Fair play e valori Olimpici / Eva Bensard

Bensard, Eva | Musée olympique (Lausanne)

Edited by Le Musée Olympique. Lausanne - 2019

Pierre de Coubertin (1863-1937), fondatore dei Giochi Olimpici moderni, ne era convinto: lo sport può aiutare gli uomini a superare il loro limiti, ma anche ad avvicinarsi e a capirsi meglio, indipendentemente dalle differenze. Per questo motivo difendeva i valori umanistici, divenuti indissociabili dall’Olimpismo: rispetto dell’avversario, amicizia fra i popoli, senza dimenticare il fair play, un codice di condotta utile sia nello sport che nella vita in generale. Un atleta fair play agisce secondo le regole, si comporta educatamente e con rispetto nei confronti dei suoi rivali. Questo comportamento non è sempre facile da applicare, sia per i bambini sia per gli adulti. Fortunatamente, il fair play lo si può imparare! È quanto spiega la presente scheda attraverso spunti di riflessione, attività ludiche e giochi di ruolo.

A for another edition on the same support: The Olympic values and fair playA for another edition on the same support: Fair-play et valeurs OlympiquesA for another edition on the same support: Olympische Werte und Fairplay

Other documents in the same collection

Suggestions

Du même auteur

Loading enrichments...